mondoscuola politicamente scorretto scritto da altri

Gli insegnanti fanno bene a protestare contro gli stipendi bassi

insegnanti

Il 30 giugno la ministra dell’istruzione Valeria Fedeli ha dichiarato in televisione che un insegnante italiano dovrebbe essere pagato tremila euro al mese. Qualche giorno dopo, i risultati della ricerca “Education at glance” dell’Ocse, ripresi da vari giornali, mostrano che gli stipendi della scuola italiana sono non solo tra i più bassi d’Europa – 1.300 euro di media netti al mese appena assunti, 1.800 a fine carriera – ma anche quelli che hanno subìto la contrazione più forte negli ultimi anni, il 7 per cento circa.

Sono dati che, se scorporati, fanno ancora più impressione: a fine carriera, a fronte di una media salariale annua nei paesi Ocse di 44.407 euro lordi, e a una media europea di 44.204, l’Italia risponde con 35.951 euro, ed è seguita solo da Grecia, Polonia, Ungheria e Slovacchia. Lo stipendio di un docente italiano a inizio carriera è in media di 29.445 euro annui, sei anni fa era di 31.914 euro. Nel frattempo l’inflazione poco ma continua a salire: l’1,2 per cento rispetto al 2016.

Questi dati svelano la retorica dietro tutte le dichiarazioni dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni. Da Berlusconi a Renzi, non c’è stato premier che non abbia detto di voler puntare sulla scuola: eppure oggi la spesa per l’istruzione in Italia è del 3,7 per cento contro una media europea del 4,8. Fanno anche piazza pulita del dibattito sulla valutazione degli insegnanti che ha accompagnato tutto il lungo percorso parlamentare della legge 107, ossia la Buona scuola.

Una legge che, partorendo l’obbrobrio del bonus per merito stabilito dai comitati di valutazione, ha mancato l’obiettivo fondamentale: investire sul serio sulla qualità dell’insegnamento. […]

Continua su Internazionale

Christian Raimo, giornalista e scrittore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: