politicamente scorretto

Come svilire un voto popolare: i nuovi ministri sanno di vecchio!

ministri

Se fossimo un altro popolo, dovremmo scendere il piazza e fare una rivoluzione madornale!

Con le elezioni del 4 dicembre, con il 61% circa dei NO alla riforma pasticciata della Costituzione italiana mista ad una protesta contro il governo, un Paese normale avrebbe quanto meno prodotto un esecutivo in rottura e discontinuità con quello precedente. In realtà, siccome non siamo un Paese normale, non solo non facciamo la rivoluzione, ma ci apprestiamo a vedere l’ennesimo pasticcio. Purtroppo siamo soltanto il popolo italiano e quindi ci accontentiamo della morale del Gattopardo e continuiamo a lamentarci …Saranno infatti riconfermati TUTTI i ministri già espressione del governo precedente, tranne il ministro Stefania Giannini (che colpa ne ha se la Buona Scuola la stanno davvero attuando?).

Ecco i ministri del nuovo governo che hanno giurato al Quirinale. Il governo del premier Paolo Gentiloni è in carica. Ministri senza portafoglio: Anna Finocchiaro alle Riforme e Rapporti con il Parlamento, Marianna Madia conermata alla Semplificazione e Pa, Enrico Costa agli Affari Regionali. Claudio De Vincenti alla Coesione Territoriale e Mezzogiorno, Luca Lotti allo Sport. Con portafoglio: Angelino Alfano agli Esteri, all’Interno Marco Minniti, alla Giustizia Andrea Orlando, alla Difesa Roberta Pinotti, all’Economia Pier Carlo Padoan, allo Sviluppo Economico Carlo Calenda. E poi alle Politiche agricole Maurizio Martina, all’Ambiente Gian Luca Galletti, ai Trasporti Graziano Del Rio, al Lavoro Giuliano Poletti, all’Istruzione Valeria Fedeli, ai Beni Culturali Dario Franceschini, alla Salute Beatrice Lorenzin. Sottosegretario di Stato alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi. Il premier al momento tiene per sé la delega ai Servizi segreti che era stata affidata a Minniti durante il governo Renzi. Dopo la cerimonia del giuramento del nuovo governo al Quirinale, il neo premier si è recato a Palazzo Chigi – accolto nel cortile dal picchetto d’onore dei Lanceri di Montebello – per il passaggio di consegne con Matteo Renzi. (Fonte La Repubblica)

Neanche Maria Elena Boschi e Angela Finocchiaro, firmatare e propositrici della legge costituzionale, quella che è fallita miseramente sotto i colpi del voto popolare, sono state invitate a fare altro: tutti gli “uomini del presidente” hanno trovato conferma …

Possibile che non sia stato possibile ritrovare altri ministri?
Possibile che il nostro Paese abbia soltanto questa classe dirigente?
Possibile che debba essere svilito così il voto popolare del 4 dicembre?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: