attualità pensierini politicamente scorretto

Diritti civili e spot elettorali

diritti civili

Alfio Marchini, per imbonirsi la parte più arretrata e conservatrice (una grande fetta) dell’elettorato italiano, ha dichiarato che non avrebbe mai celebrato matrimoni gay, unioni civili fra persone dello stesso sesso.

Subito grande risalto alla notizia … ma dove è la novità?

In Italia non c’è una legge che tutela i diritti civili di coppie omosessuali, riconoscendone l’unione alla stregua del matrimonio, pertanto NON può al momento celebrare “matrimoni gay”.

Quando ci sarà la legge, non potrà esimersi dal farlo e allora potrà dire di essere un paladino della libertà individuale.

Se però il livello civile di un paese si misura dalla sua classe politica e dalla sua capacità di tutelare i diritti civili di tutti, allora abbiamo ancora tanta strada da fare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: