attualità

Ennesima vergogna

Ho difficoltà a capire come si faccia a candidare oggi per le Olimpiadi 2024 (simbolo di fraternità, unione, sana competizione) la città di Budapest e l’intera Ungheria negli stessi giorni in cui alle sue frontiere il presidente Orban sta ergendo delle barriere di filo spinato e inviando bellicosi poliziotti a presidiare i confini ungheresi dall’assalto disperato dei profughi mediorientali.

Ci vuole pudore e bisogna prima dimenticarsi questa aberrante vergogna.
Ma c’è tempo fino al settembre 2017!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: