mondoscuola

Le regole dettate da Stefano Fassina

camusso e fassinaSarebbe sufficiente approvare 4 emendamenti per avere immediata e larga condivisione parlamentare e della scuola:

1) cancellare la chiamata e la revoca dei docenti da parte dei presidi;
2) introdurre un piano pluriennale, connesso ai pensionamenti, per gli insegnanti precari;
3) correggere le inique detrazioni fiscali e school bonus;
4) definire pericolosissime deleghe.

Invece, no. Schiaffo al Parlamento e alla scuola con un inaccettabile voto di fiducia. Una prova di forza senza vincitori ma con uno sconfitto certo: la qualità della scuola pubblica e il futuro delle generazioni più giovani

 

Personalmente non sono d’accordo e resto dell’idea che bisogna passare alle assunzioni mediante DPR d’urgenza e quindi pensare una riforma condivisa della Scuola con un impegno d’ascolto che vada oltre alla semplice giornata di audizione/congresso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: