attualità politicamente scorretto

Il Paese dei Cachi #2

ricchezza-povertaNon era certo necessario, ma dare un promemoria ogni tanto serve a tenere sveglia l’attenzione delle ‘masse’. Siamo un Paese con enormi disuguaglianze economiche!

Gli ultimi ad arrivare sono i dati Censis che certificano quello che la CGIL e poche forze politiche di sinistra da anni continuano a ripetere: poche persone in Italia guadagnano in un solo mese come tantissime persone in un’intera vita lavorativa!

censisPerché ricordarcene soltanto adesso? Eppure basta sfogliare Google per piombare su notizie di qualche anno fa altrettanto allarmanti alle quali però non è stato dato lo stesso risalto. Scriveva Gad Lerner:

Nel 2009, annata dura di crisi e cassa integrazione, il nostro primo ministro Silvio Berlusconi ha guadagnato, di soli dividendi Fininvest, 126,4 milioni; un operaio Fiat di Pomigliano d’Arco negli stessi dodici mesi ha guadagnato 11 mila euro lordi. Quindi Berlusconi ha percepito un reddito pari a 11.490 volte quello di un operaio di Pomigliano. Lo stesso calcolo applicato a Sergio Marchionne, cioè all’amministratore delegato che ha aperto una vertenza per riformare il contratto di lavoro a Pomigliano, rivela che il manager guadagna 435 volte un suo dipendente. Fino agli anni Ottanta un dirigente al top arrivava solo di rado a guadagnare 50 volte i suoi dipendenti. Siamo sicuri che questa tendenza a stressare le distanze di reddito non finisca per lacerare in modo irrimediabile la nostra società? (vedi L’infedele)

 

Il punto è come uscirne fuori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: