politicamente scorretto

Questa Lega è una vergogna … davvero!

legaUn consigliere marocchino di vent’anni, eletto a Treviso con SEL, esprime una sua politica di integrazione attraverso l’insegnamento dell’arabo nelle scuole statali. La Lega Nord, sez. di Ostiglia (MN), si scatena con offese pubbliche su Facebook.Accade oggi, accade nell’Italia del terzo millennio, accade nel ‘raffinato’ ed ‘operoso’ Nord, quello immune dalle mafie, quello contro Roma ladrona…

Said Chaibi è bersaglio dei soliti stupidi insulti razziali e razzisti di chi ha paura del diverso, l’ignobile Lega Nord. E non è il caso della Lega Nord di Ostiglia, perché questi sono i proseliti di quel Calderoli che apostrofava il ministro di origine africane, Kyenge, come ‘orango’.

Sel, che esprimendo la propria solidarietà nei confronti dei personaggi colpiti ha chiesto “al segretario Maroni di intervenire e dissociarsi da questi commenti”. “Se prevarrà il silenzio siamo pronti a presentare una denuncia  all’autorità giudiziaria per istigazione all’odio razziale. Non è più possibile che un partito della Repubblica lasci che suoi esponenti e sue articolazioni seminino odio e violenza senza che nessuno intervenga” hanno annunciato da Sel.

“Roberto Maroni non ha niente da dire sulle miserabili parole e minacce della Lega di Ostiglia contro il consigliere comunale di Sel Treviso?”. Il leader Sel, Nichi Vendola, via Twitter si rivolge così al leader della Lega sulla vicenda. (leggi la notizia su Intoccabili)

 

Caro Presidente Napolitano, non so che farmene delle scuse di Maroni: intervieni per rendere fuori legge un gruppo di facinorosi che istigano all’odio razziale, che hanno idee distorte della Storia, che nascondono le magagne sotto il tappeto (che dire in ultimo del sindaco di Adro?): dobbiamo avere il coraggio di dividerci come italiani fra quelli che costruiscono e quelli che distruggono ed avere anche il coraggio di allontanare quelli che distruggono per rieducarli.

Ho scritto su argomenti simili anche qui e qui

Tutta la mia solidarietà a chi come Said Chaibi prova a cambiare con le idee, contro i pregiudizi e l’ignoranza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: